Vai al menu principale |  Vai ai contenuti della pagina

 aree  tematiche

 comunicazioni  istituzionali

 altri  servizi

 servizi  online

 newsletter 



Dimensione testo:
     

UFFICI COMUNALI

-> SUAP


SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA’ PRODUTTIVE (SUAP)


 Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, è stato istituito nell'ambito di un processo di semplificazione delle procedure amministrative con l'obiettivo di ridurre il carico burocratico che grava sul settore privato e sulle imprese, con il D.gs. 112/98 e disciplinato dal DPR 447/98 (modificato ed integrato dal DPR 440/00), è stato sottoposto a riforma disciplinata dal DPR n. 160/2010 in linea a quanto previsto dalla Legge 133/2008, è stato adottato il "Regolamento per il riordino e la semplificazione dello Sportello Unico nel rispetto di quanto previsto dagli articoli 19, comma 1, e 20, comma 4, della legge n. 241 del 1990. A livello regionale è importante evidenziare la LR 1/2007.


 Le funzioni svolte dallo Sportello Unico per le Attività Produttive


Il DPR 160/2010 all'art. 2 comma 1 individua lo Sportello Unico per le Attività Produttive quale unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l'esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi, e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, nonchè cessazione o riattivazione delle suddette attività, ivi comprese quelle di cui al decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59.


Il Decreto del Presidente della Repubblica 160/2010 dispone che le domande, le dichiarazioni, le segnalazioni e le comunicazioni concernenti le attività ed i relativi elaborati tecnici e allegati sono presentati esclusivamente in modalità telematica al SUAP competente per il territorio in cui si svolge l'attività o è situato l'impianto, prevedendo inoltre la competenza dello stesso in merito all'inoltro in via telematica della documentazione alle altre amministrazioni che intervengono nel procedimento.


 Nello specifico lo Sportello Unico per le Attività Produttive si occupa di:


·          Avvio/Modifica/Cessazione di attività commerciali, artigianali e produttive (Modulistica regionale S.C.I.A.);


·          Autorizzazione/Subingresso/Cessazione per esercizi di somministrazione alimenti e bevande presso i pubblici esercizi;


·          Autorizzazione per Apertura/Modifica/Cessazione di medie strutture di vendita;


·          Istanze di accesso agli atti informale per pratiche relative ad attività produttive;


 NOTE OPERATIVE


le SCIA sia mod A o B dovranno essere caricate nell’apposito portale IMPRESAINUNGIORNO -www.impresainungiorno.gov.it - oppure attraverso il portale MUTA - www.muta.servizirl.it - della Regione Lombardia


 All’indirizzo di Posta Elettronica Certificata suap.sanvittoreolona@pec.regione.lombardia.it è possibile inoltrare unicamente richieste per chiarimenti,integrazioni documentazione o comunicazioni, NON LE SCIA mod A e B.


 L'ATTIVITÀ COMMERCIALE


Norme di riferimento: Decreto Legislativo Bersani n. 114/1998 (abolizione licenze e REC) Circolare ministero dell'Industria 3467/c del 28.5.1999 Ex Legge 426/1971 (Norme di principio) Ex D.M. 375/1988 (Rec) Legge Reg. Lombardia n. 5/2007 D.G.R. Lombardia 6919/2008 D.G.R. Lombardia 7813/2008 D.G.R. Lombardia 8547/2008 D.C. 790/2009 Legge Regione Lombardia n'6/2010 (T.U. Commercio lombardo) D. Lgs. 59/2010 (attuazione direttiva servizi artt. Dal 65 al 71) Legge 241/1990 art. 19 (cosi come modificato dalla legge 122/2010 art. 49 c.4bis) D. Lgs. 160/2010 (Suap) Circolare Regione Lombardia 21 marzo 2011 - n. 3 (modelli S.C.I.A.).


Dal 24/4/1999 è stato abolito il Registro Esercenti il Commercio (R.E.C.), per tutte le "attività commerciali".


Dal 13/1/2004 è stato abolito il REC (solo in Lombardia) anche per la "somministrazione al pubblico di alimenti e bevande": chi vuole svolgere questa attività, deve comunque possedere i requisiti professionali e chiedere un provvedimento di accoglimento al Comune.


Dal 24/4/1999 sono stati introdotti solo due settori merceologici, Alimentari e non Alimentari, in sostituzione delle vecchie Tabelle merceologiche.


E' permanente, invece, l'articolo 56 del D.M. 375/88 (R.E.C.) per i titolari di farmacie, di rivendite di generi di monopolio (per i quali si possono solo vendere prodotti delle relative tabelle speciali J -W).Ciò significa che per questi settori non vi è stata la liberalizzazione (ad esempio, le farmacie non possono vendere elettrodomestici o articoli tessili ecc... ).


I corsi professionali per il settore alimentare (vendita e somministrazione), sono organizzati e svolti per conto della Regione, esclusivamente da operatori accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale ai sensi della vigente disciplina regionale.


Se l'attività commerciale nel settore alimentare è svolta in forma societaria, il possesso dei requisiti professionali è richiesto al legale rappresentante o ad altra persona specificatamente preposta alla gestione commerciale.


Il preposto alla gestione commerciale deve essere nominato con "apposito atto".


Se l'attività commerciale nel settore alimentare è svolta in forma individuale, il possesso dei requisiti professionali è richiesto al titolare e non ad altra persona specificatamente preposta alla gestione commerciale.


 Gli Esercizi di vicinato (commercio al dettaglio in forma fissa) sono i negozi:


-          con superficie massima di 150 mq nei Comuni fino a 10.000 abitanti (ns. caso)


-         Per l'apertura, il trasferimento della sede e per l'ampliamento della superficie di vendita, occorre presentare nelle modalità sopra indicate, la S.C.I.A. - MODELLO "A" o/e  MODELLO "B", con le relative schede attinenti all’attività,


 -      dalla data di deposito degli atti nell’apposito portale impresainungiorno -www.impresainungiorno.gov.it - oppure attraverso il portale muta - www.muta.servizirl.it - della regione Lombardia è possibile iniziare l’attività


-         Nel caso di subingresso per causa di morte in un esercizio di commercio di prodotti alimentari, se gli eredi non sono in possesso del requisito professionale, possono continuare l'attività presentando immediatamente la comunicazione al Comune, con riserva di dimostrare il requisito professionale entro 1 anno dall'apertura della successione.


-         Permane l'obbligo dell'autorizzazione amministrativa comunale per le attività commerciali esercitate nelle medie e nelle grandi strutture di vendita. La regione può individuare zone del proprio territorio alle quali applica dei limiti massimi di superficie diversi, in base a caratteristiche socioeconomiche della zona. L'interessato può verificare i limiti di superficie di vendita presso il Comune competente.


-         Per la richiesta di autorizzazione al Comune occorre presentare il Modello COM 2 (in formato pdf 36 kB). Dopo il rilascio dell'autorizzazione, l'interessato presenta nell’apposito portale impresainungiorno -www.impresainungiorno.gov.it - oppure attraverso il portale muta - www.muta.servizirl.it - la S.C.I.A. - MODELLO "A" Regionale, con la Scheda 1 e la Scheda 2.


-          Nel caso di subingresso, occorre allegare anche il contratto di compravendita. L'autorizzazione all'apertura è revocata se il titolare: 1. non inizia l'attività di vendita entro 1 anno in una media struttura , entro 2 anni in una grande struttura 2. sospende l'attività per un periodo superiore a 1 anno.


-      -         Per le forme speciali di vendita occorre regolarsi come per gli esercizi di vicinato presentando la S.C.I.A. - MODELLO "A" Regionale, con la Scheda 1 allegata nel caso di nuova attività o presentando S.C.I.A. - MODELLO "B" Regionale, con le Scheda 1 allegata nel caso di subingresso, presentando la S.C.I.A. - MODELLO "B" Regionale nel caso di cessazione avendo cura di denunciarlo presso la residenza del titolare per le vendite per corrispondenza, via internet e al domicilio del consumatore. In particolare, inoltre, il commercio elettronico è assimilato alla vendita tramite televisione o altri sistemi di comunicazione: circolare del Ministero dell'Industria 1/6/2000 e circolare 3547/C del 17/06/2002


 


-         . L'Albo dei commercianti all'ingrosso dei prodotti ortofrutticoli, carni e ittici (ex L.125/59) è stato abolito con il D.Lgs. 114/98.


 


-         Le attività di vendita all'ingrosso e al dettaglio, per la Regione Lombardia, si possono esercitare le due attività allo stesso indirizzo, ma in locali separati. Le due attività possono essere svolte nello stesso locale se il commercio riguarda i prodotti elencati nell’articolo 40, regolamento regionale 3/2000 e smi.


 


-         Cessazione per chiusura definitiva dell'esercizio: e' importante indicare la data effettiva di cessazione sul MODELLO "B" Regionale al punto B2, indipendentemente dalla data di presentazione al Comune. Eventuali date "precedenti" alla presentazione al comune indicate sul modello B ("a far data dal...") dovranno essere motivate dal Comune. (Art. 26 c. 5 D.Lgs. 114/98 che richiama l'art. 7 c.1 "previa comunicazione al Comune").


 


 Inoltre lo SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA’ PRODUTTIVE (SUAP) si occupa:


 


 Autorizzazione per l'installazione di insegne, impianti pubblicitari, vetrofanie


 


 


La richiesta di esposizione di messaggi pubblicitari intesi come manufatti stradali, striscioni, insegne di esercizio e vetrofanie possono essere presentate:


 


·          a mezzo posta elettronica certificata (comune.sanvittoreolona@pec.regione.lombardia.it oppure suap.sanvittoreolona@pec.regione.lombardia.it)


 


·          presso lo sportello protocollo comunale durante gli orari di apertura al pubblico.


 


La richiesta deve essere conforme al vigente “regolamento comunale per la posa e installazione della pubblicità” reperibile sul sito www.sanvittoreolona.org/cittadino/servizi


 


Il pagamento dell’imposta sulla pubblicità gestito dalla soc. SANMARCO spa Via Vittorio Veneto n. 17  Vittuone tel 02/90112432 fax 02/90310255 sanvittoreolona@sanmarco.it e deve essere effettuato mediante versamento su conto corrente postale numero: 8313185 intestato a San Marco S.p.A comune di San Vittore Olona.


 


 Manomissioni suolo pubblico da parte di Enti e privati;


 


 L’istanza, il cui fax-simile è reperibile sul sito comunale www.sanvittoreolona.org/modulistica può essere inviata


 


· a mezzo posta elettronica certificata (comune.sanvittoreolona@pec.regione.lombardia.it oppure suap.sanvittoreolona@pec.regione.lombardia.it)


 


·          presso lo sportello protocollo comunale durante gli orari di apertura al pubblico.


 


 La quantificazione dell’imposta è UNICAMENTE effettuato dalla soc. SANMARCO spa Via Vittorio Veneto n. 17  Vittuone tel 02/90112432 fax 02/90310255 sanvittoreolona@sanmarco.it e deve essere effettuato mediante versamento su conto corrente postale numero: 8313185 intestato a San Marco S.p.A comune di San Vittore Olona


 


 


Assessore: Sindaco (SUAP/PUBBLICITÀ/UPP)


Capo settore: Geom. IVAN BRIVIO
Capo ufficio Geom. Aldo Banfi
Indirizzo: via Europa, 23
Tel: 0331 488944
Fax: 0331 488937 -uff. tecnico
Email: suap.sanvittoreolona@pec.regione.lombardia.it - a.banfi@sanvittoreolona.org
Orari:


LUNEDI' - MERCOLEDI' - VENERDI' dalle ore 9,30 alle ore 12,30


GIOVEDI' dalle ore 16,00 alle ore 18,00


  

Assessore: Sindaco (SUAP/PUBBLICITA) Zerboni Marco (LLPP)
Dirigente: Geom. IVAN BRIVIO
Responsabile Area: Geom. Aldo Banfi
Indirizzo: via Europa, 23
Tel: 0331 488944
Fax: 0331 488937 -uff. tecnico
Email: suap.sanvittoreolona@pec.regione.lombardia.it - a.banfi@sanvittoreolona.org
Orari:

LUNEDI' - MERCOLEDI' - VENERDI' dalle ore 9,30 alle ore 12,30


GIOVEDI' dalle ore 16,00 alle ore 18,00


  


Visualizza le news dell'area: SUAP

Documenti / Moduli / Regolamenti disponibili:
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA mod.A (1893 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA mod. B (1392 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA-scheda1 (1682 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA-scheda2 (1070 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA-scheda3 (921 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA-scheda4 (952 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA-scheda5 (946 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    Modulistica_unificata_SCIA-scheda6 (951 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    regolamento fognatura scarichi industriali (915 downloads)
    fognatura scarichi industriali
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    mod com2 (1031 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    REGOLAMENTO ACCONCIATORI (853 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    REGOLAMENTO ESTETISTI E AFFINI (1044 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    REGOLAMENTI ESTETISTI ED AFFINI (1045 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato DOC
    DOC
    attestato idoneità alloggiativa (48 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato DOC
    DOC
    richiesta pubblicità (45 downloads)
  • -> visualizza/scarica il documento in formato PDF
    PDF
    regolamento pubblicità (48 downloads)