Vai al menu principale |  Vai ai contenuti della pagina

 aree  tematiche

 comunicazioni  istituzionali

 altri  servizi

 servizi  online

 newsletter 



Dimensione testo:
     
Sono presenti 2 allegati
Questo articolo è stato letto 1871 volte
Pubblicato il: 22/02/2020    Segnala pagina su Facebook Segnala
domenica 23 febbraio 2020 ore 16,00 - Sala Polivalente

IL TACCHINO - SCENAPERTA 2020

Commedia brillante liberamente ispirata al testo di Feydeau scritta e diretta da Luca Cairati - nuova produzione firmata Centro Teatro dei Navigli INGRESSO GRATUITO PER LE PRIME 10 PERSONE CHE SI PRESENTERANNO IN MASCHERA

IL TACCHINO - Scenaperta 2020
IL TACCHINO - Scenaperta 2020

 

 Il Tacchino

la commedia liberamente ispirata a Il Tacchino di Feydeau

scritta e diretta da Luca Cairati

nuova produzione Teatro dei navigli

Centro Teatro dei Navigli riconferma la sua passione per la Commedia francese in particolare e per il teatro comico in generale. La Commedia brillante, per struttura e tipi di comicità, rappresenta una della più riuscite e complesse opere di Feydeau dotata di una comicità dirompente. Sulla scena, infatti, i personaggi intrecciano le loro vicende amorose in un sempre più intricato nodo gordiano da cui, fortunatamente, ne usciranno provati eppur illesi! A sostegno di una drammaturgia articolata e divertentissima, Feydeau aggiunge un tocco di classe proprio del Maestro: l’espressione del comico in tutte le sue forme: dalla comicità visiva fatta di gesti e movimenti (in cui rientrano le fughe, gli inseguimenti, i gesti maldestri dei personaggi) a quella più classica fatta di travestimenti e travisamenti; da una comicità di situazione, che permette all’autore di dar libero sfogo al suo virtuosismo intellettuale a quella del linguaggio, ricco, pungente e raffinato; dal divertissement delle idee che si nutrono di anacronismi, pastiche, parodie, allusioni storiche e letterarie e ironia, a quella dei caratteri legata soprattutto alla psicologia dei personaggi. Luca Cairati, attore comico di classe e appassionato di Commedia, ha saputo rielaborare drammaturgicamente il testo rendendolo moderno e attuale e ha condotto registicamente gli attori su un’esilarante giostra nostrana dove tutte le forme della comicità di Feydeau sono messe in gioco, denunciando, con grande ironia, l’eterno gioco tra l’essere e apparire che, ieri come oggi, rappresenta il cuore delle relazioni amorose.

 

Sala Polivalente - Via Vittorio Veneto - San Vittore Olona