Vai al menu principale |  Vai ai contenuti della pagina

 aree  tematiche

 comunicazioni  istituzionali

 altri  servizi

 servizi  online

 newsletter 



Dimensione testo:
     
Questo articolo è stato letto 16648 volte
Pubblicato il: 15/02/2012    Segnala pagina su Facebook Segnala
il 29/03/2012
29 marzo 2012 ore 21,00 - Biblioteca Comunale

UN NUOVO INCONTRO DEL GRUPPO DI LETTURA CON L'ALCHIMISTA

un nuovo incontro del gruppo di lettura con L'ALCHIMISTA
Dopo le vertigini e il senso di straniamento dovuti alla lettura de "Il caso Jane Eyre", proponiamo il viaggio "iniziatico" e interiore guidati da L' ALCHIMISTA di Paulo Coelho. Il romanzo L'alchimista racconta la vicenda del giovane pastore Santiago, sfruttando due temi sempreverdi della letteratura mondiale: il viaggio e il sogno. La fabula si snoda in un arco temporale di due anni mediante una narrazione molto intima e carica, che finisce col dare alla vicenda un senso molto più pregnante e, per certi versi, sacrale di quel che sembri: scopo apparente del viaggio, infatti, è - per il giovane Santiago - l'inseguimento di un sogno ricorrente, secondo il quale, ai piedi delle Piramidi, vi sarebbe un ricchissimo tesoro nascosto. In realtà, l'avventura che lo porterà dall'Andalusia - sua terra natale - fino sotto le Grandi Piramidi d'Egitto, finirà per rappresentare un insieme di durissimi banchi di prova, rappresentazione allegorica della crescita. Tra i personaggi più importanti nell'economia del romanzo, vi è una strana figura che caratterizza alcune delle primissime pagine: il vecchio e saggio Re di Salem, Melchisedec. La stranezza più grande di questo savio è il fatto che egli conosca a mena dito qualsiasi dettaglio della vita di Santiago, anche se il ragazzo giurerebbe di non averlo mai visto prima. Il vecchio incita il ragazzo a vendere le sue pecore e ad intraprendere il viaggio e gli fa anche dono di Urim e Tumim (due pietre che indicano il cammino da compiere, poiché una indica il no e l'altra il sì), oltre a dispensargli una serie di utili consigli e splendidi aforismi che pervaderanno tutto il resto del romanzo. La prima tappa di Santiago è Tangeri, la città-ponte verso l'Africa. Il giovane, molto ottimista e un po' ingenuo, viene immediatamente derubato da un suo coetaneo di tutto il denaro che possiede ed è costretto a rimboccarsi subito le maniche per riguadagnarsi quanto perduto. Entra nella bottega di un Mercante di cristalli malinconico e sull'orlo del fallimento; nel volger di un anno, grazie al suo spirito d'iniziativa e anche ad una strana magia che lo accompagna in ogni dove, riesce a far diventare l'emporio uno dei più prosperi della città e a riprendere il suo cammino, forte di un bel gruzzolo e di un'esperienza nuova. Si unisce, quindi, ad una carovana diretta nel deserto, dove incontra un uomo di nazionalità inglese che, dopo aver passato la sua vita a studiare l'alchimia, ha intrapreso a sua volta un viaggio per incontrare un saggio Alchimista nell'oasi di El-Faiyûm. In realtà, da quanto poi emergerà dal romanzo, l'Alchimista non sta aspettando che Santiago, per dispensargli aiuto e consigli utili ad arrivare al suo tesoro. Ad El-Faiyûm, Santiago sconfigge dei beduini (che, impegnati in una lotta tra clan, attaccano l'oasi - zona tipicamente franca) e incontra una ragazza araba, Fatima, di cui s'innamora - corrisposto. Il suo percorso verso le Piramidi, però, deve proseguire; lasciata la ragazza con la promessa di ritornare al più presto, va in cerca del tesoro, scortato per un pezzo dall'Alchimista. Nonostante notevoli peripezie, tra cui un pestaggio da parte di un gruppo di predoni, che lo derubano nuovamente e gli estorcono il segreto del suo sogno, riuscirà a ritornare sano e salvo dall'amata, finalmente cresciuto. A disposizione in biblioteca, su richiesta, le copie del libro.---- Informazioni presso la Biblioteca Comunale: tel. 0331 488980 --- email: biblioteca.sanvittore@csbno.net ----

ARTICOLI CORRELATI